Uomo dorme sulla pancia e posizione corretta per dormire

Posizione corretta per dormire

Poche persone sono al corrente del fatto che dormire in posizione scorretta possa causare problemi di salute in generale e in particolare a livello mandibolare, rendendo vane molte terapie.

Tutti coloro che dormono a pancia sotto (prona) o di lato bocconi, producono, tramite la loro posizione, un carico statico che grava sulla mandibola, traumatizzando continuamente tutto l'apparato masticatorio. Questa situazione provocherà nel tempo disturbi in tutto il corpo, poiché la mandibola gioca un ruolo importante nella postura.

Assumendo una posizione errata durante il sonno, il peso di una parte del corpo grava sulla mandibola, forzandola lateralmente e deviandola.

Normalmente questo fatto non è così tragico, dal momento che durante il sonno si cambia spesso posizione, facendo si che la pressione ingenerata sulla mandibola non rimanga costante.

Drammatica è invece la combinazione tra dormire in posizione prona e soffrire di un Atlante disallineato, poiché il blocco della prima vertebra e la relativa limitazione nella rotazione del capo, obbliga a dormire con la testa girata sempre dallo stesso lato, operando una pressione costante sulla mandibola!

Esercitando una pressione prolungata sull'apparato masticatorio, si ostacola la circolazione sanguigna, si traumatizzano i denti, le gengive, le articolazioni della mascella i nervi ed i muscoli masticatori.

Dal momento che questo sbilanciamento si protrae per molte ore tutte le notti, con il passare del tempo si creano danni permanenti all'apparato masticatorio, i denti si deteriorano e la mandibola si devia (malocclusione) con ripercussioni negative sul resto del corpo.

Il dormire sulla pancia non è comunque in grado di modificare l'allineamento dell'Atlante.

Dormire in una posizione scorretta: i sintomi più frequenti

  1. difficoltà a mantenere la bocca aperta a lungo,
  2. denti sventagliati, abrasi, mobili, ipersensibili con colletti scoperti,
  3. recessioni e infiammazioni gengivali, tasche parodontali e piorrea,
  4. rumori, click, difficoltà e dolori nell'aprire e chiudere la bocca,
  5. dolore e tensione dei muscoli della faccia, specie al mattino al risveglio,
  6. dolore e difficoltà ad ingoiare, a muovere la lingua, perfino a parlare,
  7. nevralgia del trigemino, cefalea, fastidiose tensioni e dolori oculari,
  8. morsi accidentali e dolorosi della lingua e delle labbra,
  9. dolori alla tempia, orecchio, collo, schiena, lombi, gambe, anomalie posturali,
  10. sensazione di instabilità, vertigini, acufeni, ronzii o fischi alle orecchie, ansia e nevrosi.

Per liberarsi da questi disturbi è necessario imparare a dormire in posizione corretta, la mandibola deve essere libera di muoversi in tutte le direzioni senza subire costrizioni né pressioni costanti.

Inizialmente, dopo anni di posizione viziata, può essere difficile abituarsi a prendere sonno in una nuova posizione inconsueta, ma i risultati che si possono ottenere, sicuramente ripagheranno lo sforzo sia in termini di salute recuperata che sotto forma di spese dal dentista evitate!

Imparando la posizione corretta per dormire, con il tempo si risolveranno spontaneamente molte patologie a carico dell'apparato masticatorio e scheletrico.

Ulteriori informazioni: www.galiffa.it

Videointerviste insonnia

racconti dopo il riallineamento dell'Atlante